L'attività di Consulenza Aziendale si sviluppa sugli assets aziendali, sul profilo strategico dell’impresa, sulla struttura organizzativa e sul sistema operativo/produttivo, allo scopo di offrire efficienti strumenti di valutazione e miglioramento della gestione aziendale, prospettando al Cliente le strategie adeguate al proprio profilo economico, finanziario e patrimoniale. La Consulenza Aziendale costituisce un ausilio concreto a servizio dell'organo direzionale nell'articolato processo di pianificazione aziendale e si sviluppa attraverso un'indagine ad ampio spettro sulle più delicate aree del core business. In tale accezione la consulenza aziendale diviene strategica per ogni realtà economica sia essa in fase di espansione o consolidamento del proprio mercato ma anche al termine del proprio ciclo di vita.

RICHIEDI UN
PREVENTIVO GRATUITO
CAPTCHA Image
ANNULLA

Gestione della crisi da sovraindebitamento

La nostra qualificata specializzazione nel settore della finanza aziendale unita alla capacità di interpretare e riclassificare i dati di bilancio, ci permette di captare preventivamente i segnali di disfunzione aziendale, che lasciano presagire l'insinuarsi della crisi, e di programmare adeguati interventi risanatori, attraverso l'implementazione di modelli di prevenzione e gestione della crisi stessa.

L'analisi di bilancio come strumento di diagnosi  dello stato di crisi è efficiente nelle misura in cui permette di effettuare un confronto tra dati consuntivi e tracciare un profilo degli andamenti attuali e prospettici. E' in questa fase che emerge l'importanza della riclassificazione del bilancio finalizzata all'analisi dei principali indici finanziari ed economici, del rendiconto finanziario e dell'anali del cash-flow.

La gestione della crisi viene affrontata in prima battuta con il ricorso agli ordinari strumenti di finanza aziendale, definendo piani di ristrutturazione finanziaria e pianificando gli interventi risolutori della stessa, mediante il raggiungimento di accordi con i vari stakeholders. Per le situazioni di insanabile squilibrio e definitiva incapacità di adempimento delle obbligazioni assunte da parte dell'impresa si rende necessario il ricorso al sistema concorsuale di gestione della crisi previsto dal legislatore italiano, con l'adozione di strumenti privatistici e stragiudiziali, volti al raggiungimento di accordi con i creditori, per favorire la soluzione della crisi ed il risanamento aziendale. 

L'obiettivo finale è quello di trarre un vantaggio competitivo dalla situazione di crisi, realizzando un cambiamento di rotta che trasformi lo stato patologico dell'impresa in un'opportunità di sviluppo aziendale successivo.